Nel novembre 2020, EUROJUST ha pubblicato la tanto attesa relazione sull’attività di Eurojust nel campo dell’ordine europeo di indagine.

EUROJUST afferma che “la relazione indica chiaramente che l’OEI non funziona ancora come una macchina ben oliata. Ci sono ancora diversi problemi in corso durante tutto il ciclo di vita dell’OEI. Nella grande maggioranza dei casi trattati da Eurojust, le questioni menzionate nella relazione sono state risolte e l’OEI ha potuto essere eseguito con successo. Sulla base dei casi trattati da Eurojust, sono state individuate soluzioni e migliori pratiche, ma la relazione sottolinea anche alcune sfide di cui si dovrebbe essere consapevoli ed espone le principali conclusioni raggiunte e le raccomandazioni proposte”.