Nella causa C-584/19, l’avvocato generale Campos Sánchez-Bordona ha presentato le sue conclusioni (16 luglio 2020, C-584/19, Celex-No. 62019CC0584). Al centro della causa vi è un OEI emesso dalla Procura della Repubblica di Amburgo, che ha richiesto il trasferimento di alcuni dati da un conto detenuto in Austria. Poiché l’ottenimento di tali informazioni secondo il diritto austriaco richiede un’autorizzazione del tribunale, la Procura della Repubblica di Vienna ha presentato una richiesta in tal senso al Landesgericht für Strafsachen Vienna (Austria).

Alla luce della decisione della Corte di giustizia europea sullo status delle procure tedesche nell’ambito del mandato d’arresto europeo, il Landesgericht ha espresso riserve in merito al fatto che la procura di Amburgo che emette il mandato sia ammissibile come “autorità di emissione” ai sensi dell’articolo 2, lettera c), punto i), della direttiva sull’ordine europeo di indagine.

L’avvocato generale ha fornito importanti elementi per un’interpretazione diversa dei diversi strumenti giuridici basati sul principio del reciproco riconoscimento. La ragione è data dal fatto che sembra inopportuno assumere un concetto uniforme di autorità giudiziaria visto l’assenza di un uniforme principio di reciproco riconoscimento.