L’articolo tratta della direttiva OEI e dei problemi che emergono nella raccolta di prove elettroniche transfrontaliere. Fornisce una panoramica esaustiva e commenta gli importanti problemi che emergono nelle società in cui le indagini criminali sono attuate con l’uso degli strumenti OEI.

L’indagine criminale viene affrontata da una nuova prospettiva che affronta le competenze e le abilità richieste le quali implicano una buona comprensione della regolamentazione internazionale e della tecnologia digitale, visti i problemi di categorizzazione dei dati e di frammentazione dei sistemi giuridici nell’UE che ritardano un uso efficace dell’OEI.